Il corso Relazione Specchio è iniziato !

giorno1

Sabato 21 ottobre ha visto l’inizio del corso sulla relazione specchio tra uomo e animale. Per definizione si tratta di una dinamica di relazione, tra individui si instaura uno scambio che coinvolge molti aspetti emozionali ed esperienziali e ciò avviene in misura maggiore nel relazionarsi con gli animali. Tale scambio avviene con più coinvolgimento a seconda del grado di confidenza e intimità che si genera tra i soggetti coinvolti. L’obiettivo del corso è quello di portare ogni partecipante ad osservare in sé e nell’altro quali movimenti interiori stanno determinando, influenzando e generando i comportamenti visibili, il significato essenziale per cui ciò che sento risuonare in me diventa scelta e azione. Al fine di aiutare a crescere e migliorare il benessere, in una gran varietà di situazioni. Si passa dal “lavorare” sui comportamenti al “lavorare” sulla loro genesi e su tutto ciò che la determina, si punta dritti all’armonia, all’equilibrio, che una volta creati conducono da soli alla naturale espressione di sé.

Detto così, sembra tutto semplice. Eppure c’è molto di più. Perché per riconoscere ciò che si attiva in me e quali messaggi da me escono, ho necessità di conoscere cosa abita in me, quali vissuti, quali caratteristiche, quali sensibilità, quali blocchi. Imparare quali meccanismi psicofisici innescano azioni e quali reazioni. Solo ciascuno di noi può veramente conoscere se stesso, e anche i propri affetti più cari, nel loro intimo; nessuno dall’esterno può determinare “ciò che è giusto e ciò che è sbagliato”, “ciò che ha un determinato significato e ciò che non lo ha”. Si tratta di creare quella conoscenza in noi che ci rende di nuovo magnifici autori e direttori di noi stessi. Non “fare”, non “sii pronto e sii efficiente”, ma “senti” ed “accetta ed esprimi ciò che senti”.

La parte teorica riveste un ruolo importante, ma anche la pratica non è da meno. Il primo giorno abbiamo fatto semplici esercizi di movimento, di guida, di auto-osservazione, che hanno lasciato molte sensazioni e iniziato a sviluppare un altro punto di vista. Il secondo giorno ci concentreremo sulle emozioni e sull’interconnessione, ma la parte pratica più bella arriva il 18 novembre, giorno in cui saranno i cavalli a farci da insegnanti. Il terzo giorno di corso infatti prevede di mettersi in contatto con la nostra parte fisico-emozionale profonda per comunicare con esseri tanto grandi quanto sensibili, che sanno rendere in maniera eccellente lo specchio dei messaggi che da noi escono. L’ultimo week-end sarò dedicato alla connessione, a come interagire senza condizionamenti, senza adescamenti, senza preconcetti, osservando e agendo in base a chi sono io e chi sei tu, adesso, in questa situazione. Nessuna categorizzazione, nessun processo uniformante, miriamo ad esprimere la bellezza dell’unicità che ognuno possiede. Relazionarsi con un animale connettendosi con lui è un’esperienza che va anche oltre lo stare insieme, si vive un profondo senso di unità, di accettazione, di semplicità.

Tutto “fuori comfort”? Si, pur con tutto il disagio e la confusione che si possono generare inizialmente, che ci portano dritti a nuovi equilibri, conoscenze inesplorate, a meravigliarsi di ciò che non vedevo e adesso vedo, ad osservare come la diversità dall’altro sia la miglior strada di arricchimento e armonia per ognuno di noi.

I nostri animali ci danno così tanto, in termini di emozione e comunicazione; vivono spesso immersi nei nostri ritmi, nei nostri equilibri e disequilibri, facendo del loro meglio per essere ascoltati, per mostrarci alternative, per invitarci a godersi e affrontare al meglio ogni momento. Essi meritano di essere visti per chi sono, di essere lasciati liberi di esprimere se stessi pur nella collaborazione di una convivenza. Meritano di non essere sovraccaricati in responsabilità ed emozionalità e meritano che i loro messaggi vengano ascoltati. Infine tutti noi meritiamo di vivere senza portarci appresso dei pesi inutili.

Il corso sulla relazione specchio tra uomo e animale inizia parlando di bellezza e dello sguardo che può, o non può, vederla, dello sguardo che può ammirarla o giudicarla. Continua parlando di scelte. Mostra come ci sia il coraggio e la capacità di mettersi alla prova di chi partecipa a questa avventura, di chi già guarda oltre e che, nonostante la fatica, saprà raggiungere un traguardo di libertà. Libertà di accettare se stessi e l’altro, libertà di essere chi sei, umano o animale, e di mostrarsi allo specchio della propria meravigliosa e ricca unicità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...