Come scegliete un formatore?

scuola

Quando abbiamo voglia o necessità di trovare informazioni che non abbiamo, di una conoscenza, di competenze a noi sconosciute, che cosa facciamo?

Come scegliamo un formatore (che sia insegnante, educatore, professore, consulente, ecc) e capiamo se è adatto per noi e le nostre esigenze?

Spesso i retaggi culturali ci portano a credere automaticamente competente ogni persona che ne sa più di noi o che ha esperienza in un settore o ambito. Molta influenza gioca l’aver costruito una certa immagine … ma come capire se è tutto reale oppure no? Come uscire dal sentirsi necessariamente in dovere di eseguire o sapere ciò che ci viene detto fino al punto di sentirsi a disagio?

Ciò di cui è fondamentale tener conto, in ogni ambito, non è la capacità specifica (di cui ovviamente non abbiamo conoscenza) ma è la competenza relazionale. Ovvero la capacità di saper scambiare con gli altri le informazioni richieste e/o necessarie e di dare strumenti affinché esse siano integrate nella realtà particolare che ci appartiene, in base a chi siamo noi e qual è il nostro ambiente di vita.

I punti importanti che caratterizzano un ottimo formatore a mio avviso sono:

– Assenza di definizioni di tipo personale: nessun giudizio, niente etichettature e inquadramenti. Occorre sentirsi accettati, non criticati, giudicati o sotto esame. E’ il formatore che deve saper adattare i suoi strumenti agli altri, non il contrario

Essere coinvolti in prima persona negli obiettivi da raggiungere. Siamo noi a stabilire cosa vogliamo fare o sapere e i tempi per farlo. Il formatore può stimolare e incentivare costanza e coerenza oppure aiutarci ad analizzare i motivi per cui non riusciamo a mantenere il focus sugli obiettivi che abbiamo scelto

Rispetto del bisogno di tempi e spazi di apprendimento. Il buon formatore sa adattare i suoi contenuti alle caratteristiche di apprendimento di chi ha davanti, può mostrare la pratica, ma non si sostituisce mai all’altro nel compito da svolgere, è in grado di renderci abili

Presa in carico e cura dell’individualità, delle caratteristiche uniche, del vissuto, di ogni soggetto. Siamo tutti unici e il buon formatore lo sa, è creativo e stimola a strategie e soluzioni sempre diverse

– Apertura al dialogo e al confronto. Nessuno è perfetto, le incomprensioni esistono sempre, ma la differenza la fa il saperle riconoscere ed affrontare. Non c’è cattiva volontà nel non capirsi con un buon formatore, si tratta solo di trovare il comune linguaggio con cui condividere emozioni e pensieri, che non è una cosa automatica e scontata. Si tratta di aver sviluppato la capacità di saper osservare ed ascoltare l’altro anziché interpretare i suoi messaggi

– Visione del “problema” come un punto di forza, un inizio per migliorare e affrontare difficoltà. Ogni situazione che ci rallenta e ci ostacola, ci stimola a cercare soluzioni. E’ un trampolino di lancio verso nuove strade, un’apertura a scoprire qualcosa che ancora non ci appartiene, che risveglia la parte curiosa, resiliente e creativa presente in tutti noi, che talvolta si assopisce

Divertirsi insieme! E’ vero che stiamo imparando ma ormai anche la scienza lo ha confermato … il cervello apprende davvero quando si rilassa e si diverte!

Scegliere un buon formatore per noi stessi significa prendersi cura delle informazioni che mettiamo nel nostro cervello. Informazioni da cui scaturiscono pensieri, emozioni, abitudini che si riversano sulla realtà quotidiana.

Un formatore è una scelta importantissima. Il timore più grande non sia quello di “essere scortesi”, facciamo domande e cerchiamo di capire cosa sentiamo a contatto con ciò che impariamo. Il timore sia piuttosto quello di metter dentro di noi informazioni che ci guidano su strade impervie e ancor più difficili del punto da cui siamo partiti.

Buona scelta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...