Una storia di adozione e … emozioni ambientali

Chico1

E’ un cucciolo, carinissimo, la famiglia ha necessità di qualche indicazione. Se ci stai, passo a prenderti oggi pomeriggio” e così, Barbara mi ha introdotta nel mondo di Chico. Il giorno dopo è stato lui ad accogliermi ufficialmente in quel mondo. Appena aperta la porta vedo una macchia bianca sfrecciare a tutta velocità ai miei piedi, una nuvoletta soffice che socchiude gli occhi quando mi abbasso per accarezzarlo. Poi di volata torna in casa dove conosciamo la sua prima famiglia.

“Non sa fare i bisognini fuori” ci dicono … ok, con me e Barbara c’è Paglia, la mia cagnetta taglia piccola, usciamo per una passeggiata. Facciamo un bel giro, Chico fa pipì, parliamo, ci confrontiamo. Il cucciolo mostra un carattere molto sensibile e un’intelligenza acuta, presente. Dopo due ore torniamo a casa e nei giorni seguenti arrivano dei messaggi “Chico migliora”. Passano dei mesi, poi Barbara mi dice “Chico deve cambiare famiglia, quella attuale non riesce a convivere con lui perché sembra si sia sviluppata una forma d’ansia nei momenti in cui sta solo”.

Si attiva la magica macchina di passaparola dei volontari, in poche settimane, Chico ha una nuova famiglia. Vengono date tutte le informazioni necessarie e fortunatamente “si ambienta bene” sono le prime notizie; poi il nulla per mesi e poi di nuovo “non lo vogliono più”. Giungono notizie frammentarie tra cui una sola ricorrente: ” va in ansia quando sta solo ed è molto vivace”. Non si capisce cosa turbi Chico, io non riesco a vederlo, la famiglia rinuncia e basta.

Una volontaria si offre di tenerlo in stallo, nuovo trasferimento per questa giovane anima, che inizia fin troppo presto ad averne viste e vissute abbastanza. La ragazza è un’anima gentile che si affeziona tantissimo a Chico, gli dà fiducia e attenzione e il cane già migliora, si rilassa. Per la prima volta dopo tanto tempo, abbaia, non se ne sentiva la voce da mesi. Scatterebbe anche l’adozione ma la situazione familiare della volontaria è al momento complicata. Così, in un caldo sabato pomeriggio di luglio io e Barbara ripartiamo, per andarlo a prendere e accompagnarlo dalla sua terza famiglia.

“Stavolta” ci diciamo” “saremo inflessibili nel capire chi abbiamo davanti”.

Ci troviamo davanti una signora sorridente e un signore distinto dagli occhi buoni, con il loro cane anziano. Hanno perso il suo compagno, anziano pure lui, poche settimane prima e “adesso, vederlo da solo ci rattrista” ci dicono “non sappiamo se è una buona scelta, ma vogliamo dare una possibilità a tutti, al nostro vecchio amico, al cucciolo, a noi stessi”. Fa caldo ma restiamo un paio d’ore a parlare, fornire informazioni, osservare i cani. Quando ci avviciniamo alle auto, Chico va entusiasta verso la loro e salta su.

Ci affidiamo.

Sono passate poche settimane e sappiamo che Chico non ha mai manifestato ansia, è vivace ma in modo piacevole e mai eccessivo, ha legato con il cane già presente in famiglia e si è ambientato benissimo in casa.

“Siamo davvero felici della scelta fatta” dice la famiglia. Io e Barbara, pure.

Molte riflessioni ci sono venute in mente e ho voluto raccontare questa storia perché la trovo bella e per condividere anche queste:

– l’ambiente emozionale, la voglia di accogliere e condividere, fa davvero la differenza

– la disponibilità di guardare chi è l’altro, quali sono i suoi bisogni, i suoi spazi, i suoi tempi, è la chiave per una comunicazione efficace

– adottare un cane è molto molto di più che prendersi cura di un essere vivente, soprattutto se è cucciolo: significa fare spazio, nella nostra vita e nelle nostre abitudini, modificare il modo di comunicare, trovare compromessi su esigenze diverse e molto altro

Infine, ci siamo chieste, Chico si sarà scelto la famiglia? Non lo sappiamo, ma a vedere oggi la sua espressione so per certo che mi dà una bella sensazione di serenità.

Grazie amico per questa esperienza e per le lezioni imparate!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...